Tag Archive: virus


Neanche il tempo di riprenderci dall’ultimo virus, e subito dobbiamo alzare nuovamente la guardia…
Infatti dopo “Koobface” un nuovo virus minaccia in modo massivo gli utenti di Facebook: i 400 milioni di iscritti al social network sono nel mirino di un’ondata di messaggi spam di posta elettronica potenzialmente molto pericolosi.
La minaccia informatica consiste in un software maligno di tipo “worm” che è in grado di sottrarre le password degli utenti ed è tornato a diffondersi sotto forma di un’e-mail proveniente da Facebook che segnala la necessità di reimpostare le proprie credenziali per l’accesso al social network.
La mail contiene un allegato con i nuovi dati di accesso che in realtà sono il codice maligno.
Una volta aperto, il file scarica automaticamente sul pc diversi tipi di programmi dannosi, compreso un virus di tipo “password stealer”;
il virus < è in grado di accedere a qualsiasi combinazione di username e password presente sul computer, dalle informazioni bancarie ai dettagli di accesso alle email> spiega Dave Marcus, esperto di sicurezza McAfee.
aggiunge Marcus < anche se solo il 10% degli utenti apre l’allegato si tratta di 40 milioni di pc infettati>.
Non è la prima volta che i criminali informatici prendono di mira Facebook, soprattutto considerando la proliferazione del ‘malware’ sui social network, aumentato del 70% solo fra gennaio e febbraio.
Il primo attacco condotto in modo massiccio fu attraverso il virus Koobface, un “worm” che si è autorigenerato, apparendo prima su Facebook nel 2008 e poi su Twitter e altri social network.
Koobface invitava gli utenti a cliccare su un link a un fantomatico video di YouTube, che invece provvedeva a lanciare un programma dannoso creato per appropriarsi di dati sensibili come i numeri delle carte di credito.
Varianti di questo malware hanno infettato oltre 3 milioni di computer nel mondo.
Di recente si sono invece moltiplicati soprattutto i tentativi di ‘infezione’ attraverso i cosiddetti link brevi lasciati nella bacheca di Facebook o in messaggi inviati privatamente.
Davanti all’aumento degli attacchi, Facebook è passata all’offensiva.
A gennaio ha siglato un accordo con McAfee per offrire un abbonamento gratuito per sei mesi ai suoi utenti per anti-virus e anti-malware, mentre a fine febbraio ha aggiornato le proprie regole di sicurezza e per la privacy, e adesso una pagina di allerta mette in guardia l’internauta quando sta per accedere a un link esterno a Facebook che potrebbe essere sospetto.
Stavolta però non è il servizio di messaggi interno a Facebook che viene violato, ma gli account di posta elettronica che gli utenti hanno associato al proprio profilo sul social network.

Nicolò

Annunci

Difendersi da virus e worm…

Un antivirus aggiornato consente di rimuovere e prevenire quasi tutte le infezioni virali.
Oggi vi illustro come proteggere il vostro computer con Microsoft Security Essentials (ecco il link per scaricarlo).
Prima di tutto installate il programma prelevabile dal sito della Microsoft ed avviatelo.
Prima di avviare la scansione, andate in “Aggiornamento” e cliccate su “Aggiorna”, in modo da scaricare gli update disponibili.
Spostatevi nel tab “Impostazioni” e, nel riquadro di sinistra, selezionate la voce “Azioni predefinite”. Impostate tutto su “Quarantena”.
Sempre in “Impostazioni”, selezionate “Microsoft SpyNet” e spuntate la voce “Livello avanzato”: così, ogni volta che MSE rileva e rimuove una minaccia, invierà un report a Microsoft con informazioni utili per il rilascio di nuove firme virus.
Fatto ciò, premete “Salva modifiche”.
A questo punto aprite la scheda “Home” e, nella sezione “Opzioni di analisi”, attivate la casella di controllo “Completa” e premete “Esegui analisi”.
Quando individua una minaccia, MSE mostra un riquadro da cui è possibile scegliere l’azione da compiere.
Cliccate su “Mostra dettagli”, selezionate la minaccia e premete di nuovo “Mostra dettagli” per leggere le informazioni.
Con “Applica azioni” i virus verranno messi in quarantena e, se siete sicuri che siano reali minacce, cliccate su “Pulisci computer”.
E’ degno di nota il fatto che questo programma lavora anche bene in parallelo con altri antivirus…
Allora…
Buona pulizia…

Nicolò

Leggere prima dell’uso…

Per molti vaccinarsi è una cosa scontata…
Un’azione comune che si fa ogni anno…
Ma quest’anno ha qualcosa di particolare…
A1HN1 quastà è la particolarità quest’anno! Un brutto virus che, facendosi forza dei problemi che già ha l’organismo colpito, arriva ad uccidere l’individuo attaccato.
Ma le sorti dell’umana stirpe saranno per essere risollevate da un vaccino! Però…
Eh eh eh!!! Vi starete chiedendo qual sia questo però!!! Beh leggete fino in fondo e ditemi se siete ancora convinti a fare il VACCINO:

1) Il vaccino anti-suina di GlaxoSmithKline Plc
Nella sua composizione troviamo:
Adiuvante alluminio (componente che danneggia il sistema immunitario e crea gravi disfunzioni cognitive), AS03: squaleneDaronrix (vaccino della Glaxo contro l’influenza aviaria), Formaldeide (nota sostanza cancerogena e tossica per l’apparato riproduttivo e per lo sviluppo), Octoxynol 10 (emulsionante, umidificante e antischiuma che può alterare l’attività metabolica, danneggiare le membrane e causare un rapido declino delle funzioni delle cellule), Polisorbato 80 (ingrediente noto per provocare infertilità, convulsioni epilettiche, aborti spontanei, e shock anafilattici anche mortali), Thimerosal (a base di mercurio, 50 volte più tossico del mercurio stesso, causa di gravi disfunzioni del sistema immunitario, neurologico e turbe motorie e comportamentali).

2) Cevalpan, il vaccino anti-suina di Baxter International
Nella sua composizione troviamo:

Cellule Vero (cellule in coltura dal rene di una scimmia africana, prodotte in maniera molto dubbia, del cui processo non si sa ancora nulla), Trometamolo (composto organico che può essere nocivo se inalato, di cui non sono stati resi noti gli effetti a lungo termine), Cloruro di sodio polisorbato 80 (vedi sopra).

3) Focetria, il vaccino di Novartis International AG
Questo è il vaccino attualmente in distribuzione in Italia.
nella sua composizione figurano:

Linea cellulare proprietaria (di provenienza ignota), Squalene (vedi sopra) e Span85 o Sorbitano Trioleato (emulsionante e addensante, usato anche come pesticida, è tossico e può avere effetti cancerogeni, neurotossici e di blocco della crescita nei bambini).
Particolarmente allarmante: l’adiuvante “proprietario” MF59: derivato oleoso di un prodotto ideato per la guerra del Golfo, con capacità altamente distruttive per il corpo umano. Alcuni esperti della sanità affermano che questo principio debba rientrare nella categoria delle armi biologiche o farmacologiche. La legislazione impone che l’utilizzo del MF59 debba essere molto limitato negli esperimenti sugli animali e non prevede assolutamente il suo utilizzo sugli uomini (ma si sa: le case farmaceutiche sono al di sopra della legge). Molti immunologi sostengono che una dose anche microscopica di poche molecole di adiuvante, iniettata nel corpo umano, possa causare gravi e permanenti disturbi al sistema immunitario. La FDA americana al momento non ha ancora approvato l’utilizzo di MF59 in qualsiasi vaccino. Eppure troviamo questo adiuvante nel “Focetria” distribuito e somministrato in Italia proprio in questo momento.

Ho cercato una serie di risposte riguardanti i componenti del vaccino anti-suina, ma non essendo nè un chimico nè un medico, non posso personalmente dare una certezza a quello che ho letto, nè tanto meno riportarlo…

Sarebbe “ridicolo” pensare ad una mega-cospirazione che voglia far ammalare (o annientare?) tutta la popolazione mondiale…
“Lo è veramente???”
Ho pensato questo quando ho letto che moltissimi dirigenti francesi, e comunque una moltitudine imprecisata di persone competenti in materia, abbia deciso di non vaccinarsi con il vaccino contenente squalene e abbia acconsentito al vaccino senza!
Nell’incertezza della veridicità di quanto letto, e di quanto sentito alla televisione vi lascio alla vostra scelta…

Nicolò (una persona che non si vaccinerà)